reconice ha superato con successo l’audit di rinnovo per la certificazione di qualità ISO/IEC 27001 e di mantenimento per la ISO 9001:2015.

It is with pleasure that we communicate to all our customers, suppliers, partners and collaborators that reconice has successfully renewed ISO/IEC 27001 certification and confirmed the maintenance of ISO 9001: 2015 .

ISO 9001 is all about quality management, and focussed on having a quality management system that is capable of achieving the quality requirements. If you achieve the level of certification within the scope set out, you have proven that you can achieve and show the best standards for quality in the industry.
ISO/IEC 27001 standard helps organizations keep information assets secure. Using this standards helps our organization manage the security of assets such as financial information, intellectual property, employee details or information entrusted by any third parties. ISO/IEC 27001 is the best-known standard in the family providing requirements for an information security management system (ISMS).

The SQS certification body carried out the audit at the same time for both certifications.
The maintenance and renewal of these certifications demonstrate the interest and commitment of reconice on quality, maintaining great attention to its stakeholders: the primary objective is to ensure, over time, the best possible management of the main business processes, from product design and development to service management, from order management to continuous attention to the requests and needs of partners, with the ultimate aim of always guaranteeing full customer satisfaction.
The quality certifications constitute for all the staff a stimulus to growth and a constant challenge for the improvement of the company organization in all aspects.

Vai alle News


reconice sostiene la ricerca con un contributo per una borsa di studio


Quest'anno l'intero importo previsto per i pacchi e festeggiamenti natalizi, è stato destinato, all'Istituto Mario Negri. Lo hanno deciso vertici, dipendenti e collaboratori di reconice che hanno voluto devolvere una ulteriore somma a favore dell'Istituto.
reconice, dall'inizio della pandemia si è impegnata per il sostegno a chi sta in prima linea a fronteggiare l'emergenza. Ed ora, con uno sguardo più lungo, ritiene sia il momento di contribuire a sostenere la ricerca.
Nato nel 1961, l'Istituto Mario Negri, da 50 anni, lavora per la difesa della salute e della vita umana. Svolge ricerca indipendente e non brevetta le proprie scoperte: un istituto unico in Italia che permette di rendere gli studi immediatamente disponibili alla comunità scientifica e soprattutto agli ammalati.
L’obiettivo dei ricercatori è la comprensione delle cause scatenanti di malattie rare, tumori, malattie renali o patologie cardiovascolari e cercare cure che migliorino la qualità di vita dei pazienti. Un impegno costante che ha permesso di raggiungere già risultati importanti ma che ha bisogno di continua linfa vitale per proseguire gli studi con costanza e rapidità.
Mai come oggi abbiamo compreso quanto sia necessario, e urgente, investire nella ricerca medica e farmacologica: credere nella ricerca e sostenerla significa avere a cuore la salute non solo propria, ma dell’intera comunità.
Ed è per questo che reconice ha deciso di devolvere la somma per una borsa di studio, rivolta a giovani ricercatori. Un aiuto concreto a una struttura che, dall'inizio della pandemia, sta lottando in prima linea per combattere il COVID-19 con diverse linee di ricerca in corso, decine di ricercatori supportati da centinaia di colleghi, tutti impegnati a trovare una cura, in collaborazione con gli Ospedali Sacco e Niguarda di Milano, e Papa Giovanni XXIII di Bergamo.



Nonostante la pandemia abbia inciso non poco sulle attività dell’azienda, reconice registra risultati che consolidano le prospettive future.
Preme sottolineare che l'azienda reconice ha realizzato 0 (zero) euri da forniture richieste per l'effetto della pandemia: tutto ciò che è stato fornito per il contenimento del contagio, il trattamento emergenziale dei pazienti Covid e la ricerca sulle terapie da adottare, è stato donato.
Nonostante anche il 2021 sia stato un anno fortemente condizionato dalla pandemia da Covid-19, reconice ha dimostrato una forte resilienza del modello di business e ha conseguito solidi risultati, superando quelli del 2020, che già furono in crescita rispetto al 2019.
“L’anno appena chiuso è stato inevitabilmente caratterizzato dall’emergenza sanitaria e dai suoi impatti su società e lavoro” commenta Marco Biraghi, amministratore unico di reconice. “Nel nostro ruolo di leadership per i sistemi di refertazione vocale, critici in un contesto in cui il percorso diagnostico è invaso da pazienti Covid che necessitano di procedure urgenti, abbiamo fin da subito assicurato il massimo livello di servizio per i Partner e i Clienti finali (assistenza H24 gratuita), garantendo sempre al contempo la salute e la sicurezza delle nostre persone. È questo il segno distintivo di un’azienda di riferimento del settore, che mette a disposizione le sue caratteristiche e capacità a beneficio di tutti: una Mission coinvolgente, la partecipazione dei dipendenti e collaboratori, le relazioni consolidate con i clienti e partner, l'innovazione continua, una supply chain flessibile, l’innovazione di prodotto ecc. tutti elementi che contribuiscono al successo di reconice.
In questo contesto così complicato, la performance è stata solida: siamo riusciti mantenere la redditività e a sostenere gli investimenti e le donazioni grazie ad un forte impegno sull’efficiente utilizzo delle risorse, con risultati superiori sia al 2019 che al 2020.
Nel corso dell’anno abbiamo osservato chiari segnali di un’accelerazione dell’utilizzo della refertazione vocale in ambito extra-radiologia, segnali che crediamo possano diventare ancora più visibili ed importanti con la progressiva uscita dall’emergenza Covid, che tutti auspichiamo avvenga già nei prossimi pochi mesi”.
Prosegue il percorso di innovazione con nuove soluzioni, nuove tecnologie, nuovi prodotti e nuove partnership che saranno presentati nel corso del 2022: reconice continua a segnare il percorso per i sistemi di refertazione vocale. Prosegue l'impegno del team di reconice per migliorare, sempre, per competenze, tecnologie, processi, sicurezza, ecc. sulla strada che porta ad una Sanità sempre migliore, sempre più efficiente.
"Ringraziamo tutti i Clienti e Partner" continua Marco Biraghi "che, ogni giorno, confermandoci la loro fiducia e supportandoci nelle attività in questo difficile periodo, hanno reso possibili i risultati ottenuti. È solo grazie a loro che esistiamo: il nostro successo è determinato dal loro livello di soddisfazione e dalle nostre performance. Nonostante la pandemia abbia fatto di tutto per fermarci e scoraggiarci, siamo rimasti intuitivi, curiosi, inventivi, pragmatici, decisi. Ha vinto la collaborazione ed il teamwork, hanno trionfato affidabilità ed integrità: continuiamo a fare ciò che promettiamo e nulla ci ferma, nella consapevolezza della responsabilità collettiva che, noi in particolare, mai come in questo periodo, abbiamo verso i Pazienti, i Clienti, i Partner, i colleghi e tutti i collaboratori."
Un sentito grazie a tutti e i nostri più sentiti auguri per un 2022 che sia foriero di grandi soddisfazioni e gioie, sia professionali che personali.

“Innovation distinguishes between a leader and a follower.”
–Steve Jobs


Congresso SIRM - Rimini 2021

Il Medico Radiologo tra clinica e tecnologia

Rimini 28, 29, 30 Ottobre 2021

È stato davvero "Magico", con la M maiuscola, dopo quasi due anni, questo primo tuffo in una vita pseudo-normale, fatta di relazioni personali vere, autentiche, davvero belle. Ma che bello ritrovarsi e guardarsi di nuovo negli occhi, tornare a condividere di persona esperienze di lavoro e di vita.
Una folata di ottimismo ed una iniezione di fiducia nel futuro ci volevano proprio, una ricarica di energia positiva necessaria dopo essere stati prosciugati da lunghi mesi di esilio da qualsiasi occasione di incontro come questo.
Abbracciamo virtualmente tutti quelli che abbiamo incontrato in questa occasione (Andrea, Antonio, Carlo, Caterina, Claudio, Daniele, Davide, Elisa, Eugenio, Franco, Gianfranco, Gianni, Giovanni, Guido, Lorenzo, Manuela, Michela, Nicola, Paolo, Remigio, Simone, Stefano, ecc, ecc - impossibile citarli tutti, quando solo in una cena tra pochi amici ci si siede in 37...).
Ma che bello! Il nostro piccolo pianeta che, comunque, non si piega, non si schiaccia, non si ferma, ma vibra di gioia e risplende. Ma non è meraviglioso?
Emozioni grandi che ripagano di tutti questi mesi di stress e costretti in prigionia da un essere invisibile, mutevole e bastardo.
Abbiamo visto la dimostrazione reale che, comunque, vinceremo noi. È imbattibile quella forza invisibile, grande ed inesauribile che unisce tutti noi che, ogni giorno, siamo impegnati, nel nostro ruolo, a migliorare una sanità che, grazie agli straodinari medici che abbiamo rappresenta l'eccellenza nel mondo, nonostante tutte le difficoltà, nonostante tutto ciò che possa accadere per demotivarci, incepparci, scoraggiarci, rallentarci, ostacolarci... È la prova provata di quel che diceva Einaudi: "è la vocazione naturale che li spinge, non la sete di denaro. (...) Se così non fosse, non si spiegherebbe (...)"
Un sentito grazie a tutti. Ora la ricarica sta al 100%.


© 2022 Reconice. All Rights Reserved. Powered by reconice